autodifesa digitale

Indirizzato a: attivisti, giornalisti, gruppi di affinità e a chi semplicemente vuole rinforzare la propria autonomia

Autodifesa, implica due cose: che ci sia qualcuno da cui ci si debba difendere e che lo si voglia fare in prima persona. Se vi interessa questo percorso significa che avete già capito che la vostra privacy e quella delle persone della vostra vita è una ricchezza da preservare, anzi da ampliare. Le tattiche e le tecniche che proponiamo sono solo free software e open source.

I laboratori-corsi di autodifesa hanno diversi livelli.

  1. navigazione: adattabili alle competenze degli utenti (accoglienza a bassa soglia). Si tratta di riparare ai danni già fatti senza buttare via lo storico dell'esperienza precedente. In un primo momento si lavora soprattutto sui browser domestici e sugli strumenti mobili personali, riducendo i sistemi di tracciamento con una serie di software proposti da noi, ma discutibili nel gruppo. In questa fase si impara a ridurre i danni e a navigare più agevolmente, anche sui social network.
  2. posta elettronica e altri servizi essenziali: conservazione delle email e delle password, differenziazione dei servizi. No, avere una posta su Gmail non è un’idea geniale. Tienila, usala, ma impara che le cose importanti vanno fatte passare altrove.
  3. questioni avanzate e/o specifiche: validazione delle fonti; sistemi di crittografia e anonimizzazione; esercizi di ingegneria sociale; impatto neuro-cognitivo degli strumenti digitali; ecc.

Durata: minimo 2 sessioni di 4h (teoria/pratica), gruppi di almeno 5 persone

 
Contattaci per saperne di più

Undefined